Shakespeare

Il grande drammaturgo dell’Inghilterra rinascimentale, poeta nazionale che ha ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo, William Shakespeare è nato nella città di Stratford, che si trova a nord di Londra. La storia ha conservato solo le informazioni sul suo battesimo il 26 aprile 1564.

I genitori del ragazzo erano John Shakespeare e Mary Arden. Erano tra i ricchi cittadini della città. Il padre del ragazzo, oltre all’agricoltura, era impegnato nella fabbricazione di guanti, oltre che nella piccola usura. Fu eletto più volte nel consiglio di governo della città, fu poliziotto e persino sindaco. Una delle prime opere di shakespeare è Enrico VI Parte I

A Stratford, il piccolo William Shakespeare ricevette una buona educazione in quel momento. Da bambino è entrato al liceo classico, dove ha studiato latino e greco antico. Per una più profonda e completa padronanza delle lingue antiche si supponeva la partecipazione degli studenti a produzioni scolastiche di commedie in latino. Le poesia d amore Shakespeare sono così toccanti che molti amanti lo sentono fino ad oggi.

Secondo alcuni rapporti, oltre a questa istituzione educativa, William Shakespeare in gioventù frequentò anche la scuola reale, che si trovava anche nella sua città natale. Lì ha avuto l’opportunità di conoscere le antiche opere poetiche romane.

Vita privata

A 18 anni, il giovane William iniziò una relazione con la figlia 26enne del suo vicino, Anne Hathaway, con la quale presto si sposarono. Il motivo del matrimonio frettoloso era la gravidanza della ragazza. A quei tempi, le relazioni prematrimoniali in Inghilterra erano considerate la norma, il matrimonio spesso avveniva dopo il concepimento del primo figlio. L’unica condizione per tali legami era il matrimonio obbligatorio prima della nascita del bambino. Quando la giovane coppia ebbe una figlia, Susan, nel 1583, William era felice. Per tutta la vita le fu particolarmente legato, anche dopo la nascita, due anni dopo, dei gemelli del figlio di Hemnet e della secondogenita di Giuditta.

poesia d amore Shakespeare

William Shakespeare è uno dei pochi autori su cui le informazioni sono state raccolte letteralmente un po’ alla volta. Sono rimaste poche prove dirette della sua vita. Fondamentalmente, tutte le informazioni su William Shakespeare sono state estratte da fonti secondarie, come dichiarazioni di contemporanei o documenti amministrativi. Pertanto, circa sette anni dopo la nascita dei suoi gemelli e prima della prima menzione del suo lavoro a Londra, i ricercatori stanno costruendo enigmi.

A Shakespeare è attribuito il merito di aver prestato servizio come nobile proprietario terriero come insegnante e di aver lavorato nei teatri di Londra come suggeritore, operaio teatrale e persino allevatore di cavalli. Ma non ci sono informazioni veramente affidabili su questo periodo della vita del poeta.

periodo londinese

Nel 1592 apparve sulla stampa una dichiarazione del poeta inglese Robert Green sul lavoro del giovane William. Questa è la prima menzione di Shakespeare come autore. L’aristocratico nel suo opuscolo cercò di ridicolizzare il giovane drammaturgo, poiché vedeva in lui un forte concorrente, ma che non differiva per nobile nascita e buona educazione. Parallelamente si ricordano le prime rappresentazioni dell’Enrico VI di Shakespeare al Rose Theatre di Londra.

Questo lavoro è stato scritto nello spirito del popolare genere cronaca inglese. Questo tipo di rappresentazione era comune durante il Rinascimento in Inghilterra, era di natura epica, le scene e i dipinti erano spesso non correlati. Le cronache avevano lo scopo di glorificare lo stato d’Inghilterra in contrasto con la frammentazione feudale e le guerre interne.

È noto che dal 1594 William è stato membro della grande comunità di recitazione “The Lord Chamberlain’s Servants” e presto ne diventa il co-fondatore. Gli spettacoli portarono un grande successo e la troupe divenne così ricca in breve tempo che si permise di costruire il famoso edificio del Globe Theatre nei successivi cinque anni. E nel 1608, gli spettatori acquisirono anche uno spazio chiuso, che chiamarono “Blackfriars”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.