Frasi d’amore William Shakespeare

Frasi d'amore William Shakespeare

Il nome di William Shakespeare è probabilmente familiare a tutti. La gente lo legge e si interessa a lui. Questo significa che ci sono molti soldi da fare con il suo nome. Ma quanto sappiamo effettivamente del più grande scrittore inglese di tutti i tempi?

Negli ultimi 200 anni circa, migliaia di visitatori hanno percorso i terreni della fattoria del Warwickshire dove si pensa che abbia vissuto la madre di William, Mary Arden. E in Giappone, dove due anni fa è stato aperto un “parco culturale” dedicato al grande britannico, una replica esatta della casa è stata vista con stupore da migliaia di persone.

Frasi d’amore William Shakespeare sono le più evidenti quando si tratta di poesia inglese e oltre. Ma la sua vita era altrettanto amorevole? Recenti ricerche hanno scoperto che Mary Arden in realtà è cresciuta in un’altra casa, nella vicina Glebe Farm. Un tale imbarazzo sarebbe sicuramente piaciuto allo stesso Shakespeare, nelle cui commedie i personaggi sbagliano regolarmente.

Penso che le parole “casalingo” e “domestico” siano piene di patriottismo. È qualcosa che viene coltivato o tessuto in casa. Vicino, nativo, familiare. Certo, ci sono termini simili in inglese, ma non hanno quella pregnanza e profondità di sentimenti. Con alcune eccezioni. Dite, non toccate la birra scura della fabbrica di birra locale conosciuta a circa dieci miglia da qui, o il classico teatrale Shakespeare.

Il Globe Theatre di Shakespeare, costruito sulla riva sud del Tamigi, è nato nel 1599, poi nel 1614 e risorge dalle ceneri per la terza volta nel 1997 grazie agli sforzi del regista e attore americano Sam Wanamaker, che ha messo più di un quarto di secolo della sua vita nel progetto.

Per riferimento, Sam Wannemaker è nato nel 1919 a Chicago da immigrati ebrei di Nikolaev, Manus Watnemaker e sua moglie Bobele. Si può quindi affermare che il Cento Nero russo ha contribuito indirettamente allo sviluppo dello shakespeareismo inglese.

Delle 38 opere di Shakespeare, 13 sono dedicate all’Italia. “Tito Andronico, Giulio Cesare, Antonio e Cleopatra, Coriolano, Il mercante di Venezia, Otello, La bisbetica domata e, naturalmente, Romeo e Giulietta.

Storici e letterati hanno ripetutamente sottolineato la sorprendente conoscenza dell’autore dei più piccoli dettagli che erano sconosciuti anche a qualsiasi italiano dell’epoca. Secondo una teoria, Shakespeare era un cattolico segreto, il che non era sicuro ai tempi di Elisabetta I, e andò in incognito a Roma in un seminario cattolico. Si è conservato, per esempio, un libro dei visitatori che nel 1587 elenca “William Clerk di Stratford”.

Il professore di letteratura italiana Martino Iuwara, tuttavia, pensa che dobbiamo scavare più a fondo. Secondo le sue ricerche, si scopre che Shakespeare era nato a Messina con il nome di Michelangelo Florio Crolanza, che non era cattolico, ma piuttosto protestante-calvinista. Michelangelo Crolanza dovette nascondersi dalla Santa Inquisizione e fuggì prima a Venezia, poi a Padova e Manta, e da lì si trasferì a Londra.

Gigi Proietti, direttore del Globe Theatre di Londra, nota che il poeta conosceva bene l’Italia.

“Forse”, dice, “Shakespeare stesso era italiano, anche se una tale affermazione non sarebbe mai stata accettata dalla cultura inglese.

“Multi-culti”, come dicono in Germania.

Citazioni dalle opere e dai sonetti di William Shakespeare sull’amore:

Povero è l’amore se può essere misurato. (“Antonio e Cleopatra”)

Tutti gli amanti promettono di realizzare più di quello che possono, e non riescono a realizzare nemmeno quello che possono. (“Troilo e Cressida”)

L’amore fugge da chi lo insegue e si getta al collo di chi fugge. (“Le allegre comari di Windsor”)

Uno sguardo può uccidere l’amore e uno sguardo può riportarlo in vita. (“Venere e Adone”)

È più pericoloso e dannoso nascondere l’amore che dichiararlo. (“Amleto”)

Con gli amanti, l’orologio di solito va avanti. (Il mercante di Venezia)

L’amore non ha occhi. (“I due veronesi”)

Mentre gli studenti si affrettano ad allontanarsi dai libri,

Con tanta gioia l’amore cerca l’amore.

Quando la scuola rattrista i loro occhi,

È così difficile separarsi dal suo amore.

(“Romeo e Giulietta”)

. se ti dai all’amore,

Ti immortalerà più fedelmente

che questa matita fragile e fuggitiva.

Se ti doni, sarai conservato per sempre

“Sarai conservato in un nuovo essere, un uomo.

(Sonetto #16)

Non voglio glorificare il mio amore.

Non lo venderò a nessuno!

(Sonetto #21)

Sopportiamo il dolore dell’amore

Peggio del veleno della discordia aperta.

(Sonetto n. 40)

Svegliati, amore! È il tuo bordo

Più noioso del pungiglione della fame e della sete?

Non importa quanto siano ricchi i cibi e le bevande,

Non puoi essere pieno per sempre.

Anche l’amore lo è. Il suo sguardo affamato

Oggi è esausto fino allo sfinimento,

E domani brucerai di nuovo,

Nato per bruciare, non per decadere.

Quell’amore può essere caro a noi,

Che l’oceano sia l’ora della separazione,

Lascia che i due scendano a terra,

Uno tende le braccia all’altro.

Che il freddo invernale sia l’ora,

Che la primavera ci riscaldi!

(Sonetto #56)

Può l’infedeltà

Può un grande amore finire?

L’amore non conosce l’appassimento e la decadenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published.